L'Europa degli umanisti

Vergine Europa

Il sogno degli umanisti è quello di un’Europa unita, simboleggiata da una forte e saggia sovrana, le cui membra sono formate dalle diverse nazioni. L'immagine della Vergine Europa, creata come una giovinetta dalla fantasia di Johannes Putsch di Innsbruck (Bucius, 1516-1542) fu stampata per la prima volta a Parigi nel 1537.

Venne poi inserita nella "Cosmografia" di Münster e riprodotta infine come la matura regina che qui vediamo, tratta dall' "Itinerarium Sacrae Scripturae" di Henrich Bunting, pubblicato a Praga nel 1592 da Daniel Adam de Veleslavín (1545-1599).

L'Europa degli umanisti, formata da tutti i suoi regni e stati, reca al centro del petto un medaglione appeso a due nastri. Quel gioiello rappresenta la Boemia, dove fiorì l’opera di Mattioli.

Possiamo perciò veramente definire Mattioli un ‘senese europeo’: infatti proprio nel cuore d’Europa egli ha trovato l’eternità della gloria.